I pazienti con asma e raffreddore da fieno hanno un aumentato rischio di sviluppare disturbi psichiatrici, risulta da un nuovo studio pubblicato nel giornale ad accesso libero Frontiers in Psychiatry.

Quasi l’11% dei pazienti con malattie allergiche comuni ha sviluppato un disturbo psichiatrico entro un periodo di 15 anni, rispetto a solo il 6,7% di quelli senza – un rischio aumentato di 1,66 volte.

Mentre studi precedenti hanno collegato le allergie con alcuni disturbi psichiatrici o emotivi, questo è il primo a trovare una connessione tra allergie comuni e il rischio complessivo di sviluppare disturbi psichiatrici.

I risultati potrebbero avere implicazioni su come i medici si prendono cura e monitorano i pazienti con malattie allergiche.

L’asma, la rinite allergica (febbre da fieno) e la dermatite atopica (eczema) sono tra le più comuni malattie allergiche e sono soprannominate le tre “A”. Il dott. Nian-Sheng Tzeng, del Tri-Service General Hospital di Taiwan e autore principale dello studio, ha notato qualcosa di inaspettato su questi pazienti.

“Come medico, ho osservato che alcuni pazienti con i tre” A “sembravano soffrire emotivamente”, afferma Tzeng.

“Pertanto, volevo chiarire se queste malattie allergiche sono associate a disturbi psichiatrici.”

Quando Tzeng e colleghi hanno cercato nella letteratura, hanno scoperto che studi precedenti avevano riportato collegamenti tra malattie allergiche e specifici disturbi psichiatrici o problemi emotivi.

Ad esempio, uno studio condotto in Danimarca ha rilevato che i bambini con malattie allergiche presentavano più problemi emotivi e comportamentali.

Tuttavia, non tutte le precedenti ricerche hanno supportato questo legame positivo, con uno studio condotto a Taiwan che suggerisce che la rinite allergica sia meno comune tra i pazienti con schizofrenia, per esempio. Chiaramente, era necessaria una ricerca più ampia per un quadro più completo.

Nonostante la ricerca precedente, nessuno aveva studiato il legame tra i tre “A” e il rischio complessivo di sviluppare disturbi psichiatrici. Per studiare questo in un ampio campione di persone, i ricercatori hanno utilizzato un ampio database di richieste di assicurazione sanitaria a Taiwan, coprendo un periodo di 15 anni.

I ricercatori hanno identificato 46.447 persone nel database con malattie allergiche e 139.941 senza. A differenza degli studi precedenti, i ricercatori hanno incluso pazienti di tutte le età.

Hanno scoperto che nel periodo di 15 anni, il 10,8% delle persone con malattie allergiche ha sviluppato un disturbo psichiatrico, rispetto al 6,7% di quelli senza alcuna malattia allergica. Ciò ha comportato un aumento del rischio di sviluppare disturbi psichiatrici di 1,66 volte per le persone con una malattia allergica.

Uno sguardo più ravvicinato ai dati ha rivelato che le persone con dermatite atopica avevano un rischio più basso di sviluppare un disturbo psichiatrico, mentre quelli con asma e rinite allergica avevano un rischio più elevato. È interessante notare che il team ha scoperto che l’uso di alcuni farmaci per l’asma era associato a un minor rischio di disturbi psichiatrici nei pazienti asmatici.

woman sneezing

Ricerche recenti suggeriscono che l’infiammazione è legata a disturbi psichiatrici, come depressione e disturbi d’ansia.

L’immagine  è nel pubblico dominio.

Quindi, perché i pazienti con determinate malattie allergiche potrebbero avere un rischio più elevato di disturbi psichiatrici? Ricerche recenti suggeriscono che l’infiammazione è legata a disturbi psichiatrici, come depressione e disturbi d’ansia.

Poiché le allergie coinvolgono anche l’infiammazione, è possibile che possa contribuire a disturbi psichiatrici negli stessi pazienti.

Lo stress psicologico di un disturbo psichiatrico potrebbe anche contribuire a sintomi fisici.

L’attuale studio non ha esaminato la potenziale causa di questo fenomeno e i ricercatori devono completare ulteriori studi per identificare i meccanismi precisi coinvolti. Tuttavia, sapere che esiste un legame tra malattie allergiche e disturbi psichiatrici potrebbe aiutare i medici a prendersi cura dei loro pazienti.

“Vorremmo lasciare che i medici che si prendono cura dei pazienti con malattie allergiche sappiano che il loro rischio per le malattie psichiatriche potrebbe essere più elevato”, afferma Tzeng. “Valutare le loro condizioni emotive e monitorare la loro salute mentale potrebbe aiutare ad evitare problemi psichiatrici successivi”.

INFORMAZIONI SU QUESTO ARTICOLO DI RICERCA NEUROSCIENZA
Fonte: frontiere
Ricerca originale: Abstract per “Aumento del rischio di disturbi psichiatrici nelle malattie allergiche: uno studio di coorte a livello nazionale, basato sulla popolazione” di Nian-Sheng Tzeng, Hsin-An Chang, Chi-Hsiang Chung, Yu-Chen Kao, Chuan-Chia Chang , Hui-Wen Yeh, Wei-Shan Chiang, Yu-Ching Chou, Shan-Yueh Chang e Wu-Chien Chien in Frontiers in Psychiatry. Pubblicato aprile 2018.
doi: 10,3389 / fpsyt.2018.00133

CategoryPscicologia

Per informazioni        +39 0444 370519